mercoledì 5 marzo 2008

parlare di spezie: CANNELLA

Un blog dedicato alle spezie e ancora non si parla di cannella? Parliamone!
Protagonista di moltissime preparazioni, dolci e salate, ritengo che la cannella sia la regina delle spezie: marchio di fabbrica dell'arte pasticcera di molti paesi è anche alla base delle miscele indiane dette masala, ha un ruolo incredibilmente importante in cucina, ed unita a mele, cioccolato, arance, carote e molto altro dà vita ad abbinamenti cult!
Personalmente non amo il suo sapore pungente e dolce, ma sono circondata da persone che l'addddorano, così non posso fare a meno di averne sempre in casa, sia in polvere per torte e biscottini (ma anche per mille altre cose!), che in bastoncini, la sua forma naturale, da lasciare in infusione nel tè (magari anche con del cardamomo, e dei chiodi di garofano), per le marinate di alcuni arrosti e in tutte le ricette che richiedono i masala.



La ricetta abbinata a questa spezia è una torta che ho ideato mentre ero al lavoro in cerca di un nuovo dolce da proporre; dopo averla assaggiata una mia collega mi ha detto che metre la scaldava è quasi svenuta per l'odore, e che per un attimo ha pensato "mmmh quasi meglio del sesso!". Cosa?! a me neanche piace la cannella!

Ingredienti:
-300g di farina 00
-50g di fecola di patate
-250g di zucchero
-180g di burro
-120ml di latte
-4 uova
-un cucchiaio colmo di cannella
-la buccia grattugiata di un'arancia
-una bustina di lievito per dolci (possibilmente non vanigliato)
-un pizzico di sale
per la glassa:
-250g di cioccolato fondente da copertura.

Sbattere le uova con lo zucchero e, mescolando, aggiungere il burro a temperatura ambiente, il latte, la buccia d'arancia e la cannella. Setacciare la farina e la fecola e aggiungerle all'impasto insieme al lievito e al sale. Versare in una teglia imburrata e infarinata e cuocere in forno a 180 gradi per 45 min.
Preparare intanto il cioccolato riducendolo a scaglie e fondendolo a bagnomaria; appena diventa liscio e fluido immergere il pentolino in acqua ghiacciata e girare. A questo punto la consistenza sarà più cremosa, ripetere entrambe le operazioni (bagnomaria-raffreddamento) e il cioccolato sarà pronto. Deve essere spalmato sulla torta appena questa sarà abbastanza tiepida.

Colgo l'occasione per presentare Saretta che mi ha aiutata a realizzare molte foto di questo blog, che ama la cannella e che mi fa sentire sempre superbrava.
La prima sera che abbiamo scattato insieme, quando ho deciso che la mia folle idea sarebbe diventata un progetto da realizzare, lei era con me, ascoltavamo i Portishead, la cucina era illuminata solo da una lampada messa a far luce sul set e abbiamo lavorato fino alle quattro; dopo tanto tempo mi sono sentita di nuovo vicina a lei, ed è stato bellissimo.

4 commenti:

Iaia ha detto...

Io amo la cannella!
E quella torta ha un aspetto sublime...

*PhAbYA* ha detto...

ah! anche tu!!!
quando la preparerò te ne farò portare una fetta da sara, promesso!

irene ha detto...

sara ti fa sentire superbrava! Ah questa poi...
A me risulta che ci sia UNA persona che dà super soddisfazione a phabbia in particolare...

irene ha detto...

Ah, mi sono scordata... A MORTE LA CANNELLA